Blog

Proroga della CIGS per le imprese “strategiche”: ultime novità in materia di ammortizzatori sociali

La legge di Bilancio per il 2018 (Legge 205/2017) prevede, per gli anni 2018 e 2019, la concessione della proroga della CIGS, fino al limite massimo di 12 mesi, a favore delle imprese con organico superiore a 100 unità lavorative e con rilevanza economica strategica anche a livello territoriale. Le aziende devono presentare rilevanti problematiche occupazionali con esuberi significativi nel contesto territoriale. Per ottenere la proroga è necessario che le imprese interessate presentino piani di gestione per la salvaguardia occupazionale che prevedano specifiche azioni di politica attiva per il lavoro concordate con la Regione.
Oltre ad interventi con strumenti di CIGS e mobilità in deroga nelle aree di crisi industriale complessa, un particolare rilievo è dato alla ricollocazione dei lavoratori a rischio di esubero nell’ambito di programmi di cassa integrazione straordinaria. In tale circostanza sono previste particolari agevolazioni fiscali per i dipendenti che reperiscano una nuova occupazione oltre che benefici contributivi per i datori che li assumono.
Il Governo stanzia 100 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018 e 2019 a favore dei lavoratori coinvolti in processi riorganizzativi complessi o piani di risanamento complessi di crisi delle imprese per le quali lavorano. Viene a tal fine prorogato il periodo di intervento della cassa integrazione guadagni straordinaria riconosciuta alle imprese con organico superiore a 100 unità lavorative e rilevanza economica strategica anche a livello regionale che presentino rilevanti problematiche occupazionali con esuberi significati nel contesto territoriale.
È incrementato da quattro a dieci volte il tetto aziendale del Fondo di Integrazione Salariale e da quattro a sette volte il periodo minimo per l’accesso all’esodo incentivato previsto dalla Legge Fornero.
Inoltre, diventa più costoso licenziare: per le aziende soggette alla CIGS viene elevato dal 41 all’82 per cento il ticket di licenziamento, per ciascuna risoluzione del rapporto di lavoro nell’ambito di un licenziamento collettivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *